You are using an outdated browser. For a faster, safer browsing experience, upgrade for free today.


Spettacoli in promozione

Carne di Juan Diego Puerta Lopez


Foto: Paolo Porto
Ideazione, regia e coreografia:
Juan Diego Puerta Lopez
Con:
Daniele Arceri
Anna Basti
Michele Dell’Uomo
Clelia Fumanelli
Marika Riggio
Sara Rossi

Musica:

Giuliano Lombardo, Susumo Yokota
J.S. Bach, Autechre, Matmos

Sonorizzazione:

Giuliano Lombardo

Luci e scenografia:

Proyecto JDPL

Sinossi

CARNE è uno spettacolo in cui non vi sono personaggi ma persone che interpretano se stessi in una condizione di precarietà e pericolo. Per rendere le emozioni e le atmosfere reali, il regista delimita lo spazio con filo spinato, costringendo gli interpreti a provare una situazione di rischio reale, come un funambolo che cammina su una corda tesa nel vuoto. Undici i quadri proposti, frammenti di un unico discorso, che lo spettatore riordinerà seguendo il filo delle sue emozioni. La musica, parte integrante dello spettacolo, con le sue sonorità elettroniche, eseguite dal vivo, contribuisce a stimolare non solo gli interpreti ma anche l’immaginazione del pubblico. CARNE vuole essere solo un momento di riflessione sulla guerra, stimolando lo spettatore a vivere forti emozioni. Non vuole trarre alcuna conclusione prestabilita ma portare l’attenzione su una tematica che appartiene a tutti. “Stato di guerra. Proprio oggi, quando le parole di guerra, sulla guerra sono continue, pesanti e asfissianti, CARNE fa del silenzio il suo senso. Uno spettacolo sul silenzio delle parole, la rappresentazione carnale della guerra, quella che colpisce l’uomo e lo spoglia nel corpo e nella mente. La messa in scena del dolore irrazionale, quello puro e incontrollabile. La guerra come schiaffo alla coscienza ma anche come risveglio dal torpore dell’abitudine alla violenza. Un ora per tratteggiare nell’aria gesti, movimenti che disegnano segni che un conflitto, qualsiasi conflitto, lascia nelle piaghe dell’essere umano. Un’ora col fiato sospeso, nella contemporaneità dei suoni sapientemente miscelati, in uno spazio visivo che figura il deserto dell’animo.” Claudia lo Presti

Visualizza Video Promo In video gallery click su promozione