You are using an outdated browser. For a faster, safer browsing experience, upgrade for free today.
Produzioni anno 2017

Tammurriata


La danza è stata ed è ancora il motore della mia vita, e sin da piccolo, dal balcone di casa , guardavo i carri e i trattori dei contadini agghindati a festa e pieni di persone di tutte le età che, all'inizio di Febbraio  andavano alla festa della Candelora  per rendere omaggio alla Madonna di Montevergine. Il punto di riunione di tutti i gruppi prima di partire ,era proprio sotto casa mia e in attesa che arrivassero tutti i partecipanti , le paranze  già iniziavano a suonare,cantare e ballare , ed io rimanevo incantato dalla musica e soprattutto dalle dinamiche di questo ballo che partendo dalle coppie ,coinvolgeva proprio tutti: donne, uomini, anziani e ragazzi. 

Un'altra festa piena di canti e balli capitava il lunedì in Albis ,quando centinaia di persone andavano a piedi da Napoli e da altre cittadine della provincia , alla Madonna dell'Arco. Anch'io ci sono andato da ragazzo molte volte a piedi, con gruppi di amici e durante il viaggio ogni tanto si facevano delle soste per riposarci o per mangiare qualcosa e quel momento era dominato da canti e balli partecipati da tutti.                                                    

Canti a fronna, balli di gruppo con tammorre e  castagnette, che ho rivisto un po’ più adulto a Pagani il secondo lunedi dopo Pasqua alla Festa della Madonna delle Galline e in tanti altri paesi della provincia di Napoli, con estensioni in tutte le altre province campane, specialmente nel Sannio, dove sono ancora vive tradizioni popolari antichissime.                                                                                                                               

Le origini della Tammurriata si perdono nella notte dei tempi; essa è senza dubbio una delle più sensuali e seducenti forme di ballo ed affonda le sue origini nelle antiche danze greche e, probabilmente, nelle antiche danze delle genti campane, come i Sanniti. Nonostante i secoli trascorsi la Tammurriata ha mantenuto i tratti fondamentali delle antiche danze, continuando a rappresentare i riti della sfida, della sessualità e della fertilità connessi alla terra, intesa come madre di ogni cosa e, quindi, fonte della vita.                                                                                                                                                                                                                                             Alcuni gesti di queste antiche danze, che avvenivano in onore di Dioniso e Cibele, si ripropongono ancora oggi , nella figurazione tematica della Tammurriata. I movimenti sono spontanei e quasi sempre derivano da gesti effettuati durante il lavoro quotidiano nei campi o a casa. Non esiste scuola per imparare questo ballo, ma solo iniziazione; quando si è ragazzi si comincia a ballare con gli anziani ed allora bisogna solo seguire i passi senza prendere l'iniziativa. Seguire lo sguardo di colui che guida è importantissimo, soltanto guardandosi sempre negli occhi si può entrare perfettamente in sintonia, apprendendo quella gestualità ritualizzata che, nel momento collettivo assume un significato simbolico e magico. Durante l'esecuzione della Tammurriata, infatti, non esistono attori e spettatori, non vi sono barriere tra i partecipanti alla festa, né esistono palcoscenici,  ma si formano spontaneamente dei cerchi con tutti i presenti all'interno, nei quali si fondono, in un tutt'uno, suonatori, cantatori e spettatori.  

Note di Regia                                                                                    

I luoghi dove si svolgevano queste danze , per i popoli antichi era lo spazio antistante il tempio del Dio,  oggi, in una ideale continuità con il paganesimo, è il sagrato o la piazza antistante la chiesa della Madonna o del Santo.                                                                            

Noi per la nostra festa e il nostro omaggio alla Tammurriata abbiamo scelto Piazza del Gesù, a Spaccanapoli, nel centro storico di "Neapolis" , la parte più greca della città, mantenendo così un contatto con l'origine della Tammurriata, che discende da un'antica danza greca  la Sikìnnis, danzata dai satiri, adoratori di Dioniso e Cibele. L’idea è quella di lavorare sulla danza popolare per eccellenza della nostra Regione : la Tammurriata, cercando di portare questa danza nel territorio dei nuovi linguaggi della scena contemporanea.                                                                                                              Inizieremo a modificare l'assetto di queste danze tradizionali , portando la nostra ricerca e sperimentazione  in altri territori,  cercando di dar  vita ad una nuova interconnessione tra i generi musicali della nostra tradizione.                                                                                                                                 

Lo spettacolo inizia con una performance di Danza Aerea;  una danzatrice che suonando una tammorra muta, con colpi secchi e partendo dal lastrico solare del Liceo Genovesi di Piazza del Gesù, affiancherà l' obelisco, atterrando sul palco e in piazza, e dopo un cerimoniale esoterico/religioso con una paranza  di 60 professionisti composta da cantanti/e, musicisti/e, danzatori/trici, musicisti, si dà inizio alla festa.                                                                                                            

 

Gennaro Cimmino

 

CREDITI: 

Progetto, organizzazione e regia:  Gennaro Cimmino

Maestri di Cerimonia: Bruno Buonincontri, Ciro Cascina.

CoreografiE:  Emma Cianchi

Costumi: Francesca Sannino

Danza Aerea: Marianna Moccia ,Viola Russo.

Danzano: Chiara Alborino, Nicolas Grimaldi Capitello, Nello Giglio, Mariangela Giombini, Leopoldo Guadagno, Antonio Nicastro,

Domenico Piscopo, Francesco Russo. Gli allievi del Liceo Coreutico Suor Orsola Benincasa, Centro Coreografico Körper, Human bodies

Cantanti:  Marcello Colasurdo, Biagio di Prisco, Annarella,Dario Mogavero, Pietro Mauriello.

Musicisti: Peppino Di Febbraio, Mario Menna, Sabatino Esposito, Tony Saggese, Melania Di Febbraio.

Assistente alla coreografia: Cosimo Alberti

Assistente all'organizzazione: Luigi Pernice Di Cristo