You are using an outdated browser. For a faster, safer browsing experience, upgrade for free today.
Produzioni anno 2018

I Fazzoletti di tutti gli Adii


“Il mio corpo farà del suo meglio anche senza di me” Samuel Beckett 

 Schiavi cardiaci delle stelle, abbiamo conquistato il mondo prima di alzarci dal letto; ma ci siamo svegliati ed esso è opaco, ci siamo alzati ed esso è estraneo.

Però sempre facciamo i conti con il mondo prima di distenderci di nuovo e abbassare le palpebre stanche e pesanti. 

Spesso di notte accade di tenere gli occhi aperti nel buio e di rivedere la nostra vita, ci accade di guardare il film di cui siamo protagonisti e allo stesso tempo registi.

La Notte, antichissima e identica, la Notte regina, la Notte interamente uguale al silenzio, la Notte con le stelle, con i lustrini rapidi sul suo vestito frangiato di infinito. La notte vaga, la notte lieve, la notte sola, solenne. 

La Notte nostra Signora delle cose impossibili che cerchiamo invano, dei sogni che ci visitano, dei propositi che ci accarezzano, delle cose che non siamo riusciti a dire, delle cose che desideriamo, che abbiamo desiderato, che ci sono sfuggite, che abbiamo ottenuto, che abbiamo realizzato. 

Il mondo è di chi nasce per conquistarlo e non di chi sogna di conquistarlo, anche se ha ragione.
Inseguendo questi sentimenti, queste suggestioni, abbandonandosi ad una fuga verso un altrove, un uomo solo in una stanza, dà corpo, liberandoli, ai pensieri. 

Un uomo che non ha fatto altro che sognare, questo e questo soltanto è sempre stato il senso della sua vita.
Un uomo che non ha mai avuto altra preoccupazione vera se non la propria vita interiore. 

Un uomo che non ha mai voluto essere altro che un sognatore, senza mai dare attenzione a coloro che gli parlavano della vita.
Un uomo che dall’amore ha preteso soltanto che non cessasse di essere un sogno lontano. 

Un sogno che ad un tratto si materializza attraverso i corpi di uomini e donne che affollano la sua stanza vuota, uomini e donne che celebrano l’unico, grande, incommensurabile bene della nostra vita: L’Amore.
Il cuore è il motore. 

L’Amore è il cuore di tutte le cose. 

Da Fernando Pessoa a Fernando Pessoa 

 

Regia e coreografia: Antonello Cossia

Interpreti: Sibilla Celesia, Antonello Cossia, Nello Giglio. 

Musica originale: Riccardo Veno

Produzione: Körper